Infiammazione e Genetica

L’infiammazione è una risposta essenziale e protettiva messa in atto dai tessuti dell’organismo in presenza di:

  • scorie tossiche nella matrice interstiziale
  • malattie
  • ferite
  • infezioni 

L’arrossamento o il gonfiore intorno a una ferita o un’area infetta segnalano ad esempio, che è in atto un processo di normale difesa e riparazione di un  danno subito dall’organismo.
Alcuni dei nostri geni hanno la capacità di regolare i processi infiammatori e quindi anche il modo in cui il nostro
organismo gestisce la produzione e il ripristino di sostanze antinfiammatorie.
Completato il naturale processo di riparazione, questi geni non esercitano più la loro funzione fino a quando non
saranno nuovamente necessari per far regredire una nuova infiammazione.

Inoltre possono capitare situazioni in cui questi geni rimangono in funzione oltre il periodo dovuto, provocando infiammazione cronica con reazioni troppo forti o non necessarie che danneggiano.

Questo può predisporre l’individuo all’insorgenza di invecchiamento cutaneo precoce, intolleranze alimentari, cellulite ecc…

Attraverso l’analisi genetica del profilo infiammatorio è possibile valutare la funzionalità dei geni coinvolti in questi processi ed intervenire attraverso la scelta di nutrienti ed integratori per modulare più efficacemente l’infiammazione.

I geni testati sono i seguenti:

  • GSTM1
  • GSTT1
  • GSTP1
  • SOD2
  • IL 6
  • TNF